Gli ammortizzatori secondo SCOR

La storia che sta dietro al nostro design degli ammortizzatori può essere divisa in due parti, cosa volevamo ottenere e come l'abbiamo ottenuto. Se non ti interessa sapere come funzionano i nostri ammortizzatori, lo capiamo perfettamente. Guida la tua bici sapendo che i nostri ingegneri hanno fatto gli smanettoni, hanno calcolato i numeri e hanno fatto gli straordinari eseguendo i test in modo che la vostra 4060 possa darvi esattamente quello che volete, quando volete.

Ma, se sei interessato a ciò che ci siamo prefissati di ottenere e vuoi fare un'immersione profonda su come lo abbiamo fatto, allora siamo più che felici di tirare fuori i grafici e mostrare il nostro lavoro.

Un sistema di sospensioni altamente regolabile

Cosa volevamo:

Per costruire la bici che volevamo dovevamo progettare il nostro sistema di sospensioni altamente regolabile. Questo ci avrebbe permesso di raggiungere le caratteristiche di guida che cercavamo proprio nel cuore del telaio. Essendo ciclisti ed ingegneri, il risultato doveva essere elegante, pratico e soprattutto doveva rendere migliore la nostra esperienza di guida.



Come l'abbiamo fatto:

Il nostro design di sospensione attivato dal collegamento inferiore utilizza un centro di rotazione istantaneo, noto anche come punto di articolazione virtuale, che determina il percorso dell'asse della ruota posteriore durante la corsa della sospensione. Questo percorso è controllato tramite i collegamenti e i punti di snodo. Il modo in cui li posizioniamo ci consente anche di controllare il rapporto di leva, l'anti-squat e l'anti-rise del sistema di sospensione, tre elementi che giocano un ruolo fondamentale nel funzionamento e nel modo in cui si sente la sospensione. Non preoccuparti se non sai cosa significano questi termini, entreremo nel dettaglio tecnico in un minuto.

Sospensioni attive con un attrito minimo della catena

Cosa volevamo:

La relazione tra la sospensione posteriore e la trasmissione è complessa. Gli input di uno possono avere un effetto sull'altro e il design delle sospensioni di successo riguarda la gestione di questa relazione come qualsiasi altra cosa. Volevamo che la sospensione rimanesse attiva sia che si pedalasse o meno e volevamo ridurre al minimo l’attrito attraverso i pedali mentre la sospensione faceva il suo lavoro.



Come ci siamo riusciti:

Diventiamo tecnici e parliamo di anti-squat. L'antisquat descrive come la sospensione posteriore si comprime durante l’ accelerazione, pedalando. Tutte le bici hanno un certo livello di anti-squat, ma il modo in cui è regolato gioca un ruolo enorme nella sensazione della bici.

Un alto livello di anti-squat aiuta la bici a pedalare in modo efficiente resistendo alla compressione, ma porta anche al contraccolpo del pedale (dove le forze “tornano” al ciclista come una scossa attraverso i pedali) e una sensazione dura quando si è in piena corsa. Un basso livello di anti-squat significa che la sospensione posteriore si sentirà molto attiva, ma può portare al 'bobbing', dove gli input dalla trasmissione (cioè la pedalata) creano una pedalata “indesiderata” della sospensione posteriore.



L'anti-squat non è un dato fisso, ma varia man mano che la bicicletta asseconda il moto della sospensione. Le nostre biciclette sono progettate per offrire un buon supporto ed una pedalata efficace intorno al punto di flessione. Man mano che ci si addentra nell'escursione, il livello di anti-squat si riduce per minimizzare gli effetti della catena sugli impatti e allo stesso tempo mantenere la sospensione attiva.

Sospensioni attive in frenata

Quello che volevamo:

Proprio come la trasmissione ha un effetto sulle sospensioni, lo stesso vale per la frenata. Le migliori sospensioni del mondo non contano nulla se scompaiono quando tocchi i freni, quindi avere una sospensione che rimane alta nella sua corsa, continua a mantenere aderenza e ti isola dai dossi mentre freni ti permette di guidare più velocemente e rimanere più fresco.



Come ci siamo riusciti:

Così come l'anti-squat può essere configurato per controllare come la sospensione reagisce in accelerazione, anche l’ anti-rise può essere configurato per controllare come la bici reagisce in frenata.

Quando utilizzi il freno posteriore per ridurre la velocità, la forza creata dalla tua massa in decelerazione fa sì che la parte posteriore della bici si sollevi e la sospensione posteriore si estenda. L'anti-rise contrasta il trasferimento del carico in avanti della bici e del ciclista durante la frenata e impedisce questa estensione.

Un alto livello di anti-rise significa che la frenata comprime la sospensione per contrastare il trasferimento del carico e allo stesso tempo irrigidisce la sospensione, rendendola meno attiva.

Un basso livello di anti-rise significa che la frenata ha poco impatto sulla sospensione, mantenendola attiva, ma può portare a cambiamenti di geometria dovuti al trasferimento del carico.

Come per l'anti-squat, tutte le sospensioni per mountain bike hanno un anti-rise, ma ci sono diverse scuole di pensiero sul fatto che sia preferibile un alto o un basso livello di anti-rise. Alcuni credono che un alto livello di anti-rise sia una buona cosa, poiché la ruota posteriore viene spinta contro il terreno durante la frenata. Tuttavia, la nostra filosofia è che l'anti-rise dovrebbe essere basso per permettere alla sospensione di rimanere attiva in frenata. Quando stai frenando metti naturalmente pressione sulla ruota posteriore, quindi crediamo che avere una sospensione attiva che rimane alta nella corsa sia la strada giusta.

Possibilità di usare ammortizzatori ad aria e a molla

Cosa volevamo:

Ad alcuni di noi alla SCOR piace usare ammortizzatori ad aria, ad altri piacciono gli ammortizzatori a molla. Il nostro progetto di sospensione può funzionare con entrambe le opzioni per mantenere entrambe le opzioni.

Gli ammortizzatori ad aria sono facili da installare, hanno una grande resistenza al fondo e sono relativamente leggeri. Gli ammortizzatori a molla hanno una sensazione di elasticità notevole che dà un'aderenza superba e un aspetto brillante–il peso non importa.

Se scegliete aria o molla dipende solo da voi, ma in generale scegliete l'aria per una guida scattante e la molla per una sensazione più solida.

*Nota a margine: il telaio 4060 è progettato per montare ammortizzatori a molla di Fox e RockShox e anche Öhlins. Prima di acquistare un ammortizzatore a molla di un'altra marca è meglio controllare le distanze.



Come ci siamo riusciti:

In poche parole, abbiamo messo a punto la curva di leva della sospensione per lavorare sia con ammortizzatori ad aria che a molla. Per diventare più complessi dobbiamo tornare alle basi.



Un ammortizzatore elicoidale si comprime in modo lineare - vale a dire che si comprime in modo costante per tutta la sua corsa. Questo lo rende ideale per la sensibilità e per l’aderenza, ma significa che può scendere più facilmente di un ammortizzatore ad aria.

Un ammortizzatore ad aria si comprime in modo progressivo - man mano che procede nella sua corsa richiede più forza per comprimerlo ulteriormente. Un ammortizzatore ad aria resiste meglio al fondo ma perde un po' della sensibilità rispettoad un ammortizzatore a molla.



Queste sono affermazioni generali e i moderni ammortizzatori ad aria non sono un mondo a parte rispetto a quelli a molla, pur offrendo molti dei loro vantaggi in un pacchetto più leggero e facile da regolare.

La vostra sospensione posteriore è essenzialmente una grande leva che viene utilizzata per comprimere gli shock. Usando i giunti è possibile controllare come la leva esercita la forza sull'ammortizzatore e lo comprime. Aggiungendo la progressività nel design della sospensione, siamo in grado di controbilanciare la linearità della molla elicoidale e fornire un'alta sensibilità all'inizio della corsa insieme a una buona resistenza al termine.

Un baricentro basso

Quello che volevamo:

Un baricentro basso aiuta con il controllo e la stabilità, quindi avere i collegamenti e i componenti delle sospensioni il più in basso possibile all'interno del telaio ha molto senso. Consente inoltre di aumentare la rigidità nell'area del movimento centrale, fattore che fa una grande differenza in termini di sensazione e sensibilità del mezzo.



Come l'abbiamo raggiunto:

L'utilizzo della fibra di carbonio ci consente di creare le forme del telaio di cui abbiamo bisogno per posizionare la sospensione in basso nel telaio, allo stesso tempo aiuta a fornire la forza e la rigidità che cerchiamo. Abbiamo molta esperienza nelle lavorazioni con il carbonio, quindi sappiamo come ottenere il massimo da esso senza usarne troppo.



I collegamenti delle sospensioni sono montati nella giunzione tra il movimento centrale e il tubo obliquo, riducendo il peso il più possibile e contribuendo a ridurre al minimo la flessione. Montare l'ammortizzatore in una posizione così bassa e orizzontale ci consente di utilizzare un ammortizzatore di lunghezza maggiore che è più adatto al tipo di guida che amiamo. Con la sospensione montata in basso siamo anche in grado di mantenere bass il tubo orizzontale e avere ancora spazio per una borraccia.

Affidabilità

Quello che volevamo:

La tua bici non dovrebbe mai essere il motivo per cui non puoi andare a fare un giro, quindi affidabilità e durata erano estremamente importanti in fase di progettazione delle sospensioni.



Come l'abbiamo raggiunto:

Abbiamo selezionato cuscinetti Enduro Max che richiedono una manutenzione minima, durano nel tempo e sono facilmente reperibili quando arriva il momento di sostituirli. La parte posteriore dell'ammortizzatore è protetta da un parafango per tenere a bada il crud.